A proposito dell’indifferenza al momento dell’equilibrio finanziario: alcune considerazioni intorno alle caratteristiche delle leggi di interesse in regime composto e in regime semplice nelle operazioni di scambio

Pubblicato in Rivista di Diritto del Risparmio, fascicolo 1/2023, ISSN 2785-3004 – Leggi l’articolo e scarica liberamente il contributo.

di Graziano Aretusi

Abstract

In ambito di matematica applicata alle operazioni di scambio, spesso in molti, anche gli studiosi della materia, applicano, de plano, il regime composto degli interessi, perché dotato di quella “regolarità matematica” che si manifesta nella caratteristica d’indifferenza rispetto al momento dell’equilibrio finanziario. Tale caratteristica è dovuta alla proprietà di scindibilità di cui gode il regime composto.

Il fatto, però, che il regime composto generi, per costruzione, interessi sugli interessi, ha aperto un forte dibattito sulla necessità di utilizzare il regime semplice degli interessi nelle operazioni di scambio, proprio perchè questo non genera interessi sugli interessi.

Tuttavia, taluni, spesso (e addirittura), si spingono a ritenere che nelle operazioni di scambio sia possibile il solo utilizzo del regime composto, considerando necessario il principio d’indifferenza al momento dell’equilibrio finanziario.

In questo lavoro, allora, si cercherà di agevolare la comprensione di questi aspetti. Partendo dal momento in cui si genera lo scambio, si illustrerà come si forma l’interesse introducendo i concetti di regime e di legge di interesse.

Faremo riferimento a quelle operazioni di scambio (come ad esempio i mutui), su cui si concentra l’attuale dibattito multidisciplinare, che prevedono la possibilità di chiudere anticipatamente l’operazione e ricorreremo all’utilizzo del più semplice tra gli strumenti finanziari: il prestito elementare, con rimborso in un’unica soluzione (anche detto zero coupon).

Le esemplificazioni con l’utilizzo dei prestiti elementari, saranno particolarmente utili per illustrare e comprendere le caratteristiche generali delle operazioni di scambio nei diversi regimi.

L’articolo è a disposizione per motivi di studio e ricerca. Non è consentito ripubblicare l’articolo su altri siti o piattaforme se non espressamente autorizzati dall’Autore.

oppure leggilo in Rivista di Diritto del Risparmio

Ultimi articoli

Matematica finanziaria e Econometria 26 Marzo 2024

Autovalutazione ammortamento Francese

Abbiamo sviluppato uno strumento semplice per l’autovalutazione del proprio prestito a rata costante.

Matematica finanziaria e Econometria 20 Marzo 2024

Il problema dell’anatocismo nei mutui: lettera aperta al Presidente di AMASES e al Direttore della rivista ufficiale di AMASES

Pubblichiamo la lettera aperta inviata all’AMASES sul dibattito in atto in tema di ammortamenti dei prestiti e anatocismo.

Matematica finanziaria e Econometria 8 Gennaio 2024

TAEG, interesse semplice, interesse composto e anatocismo: i documenti inediti della Commissione europea

Grazie ad un intenso lavoro di approfondimento e ricerca siamo entrati in possesso degli studi preliminari della Commissione che hanno indotto il Parlamento europeo ad adottare una formula di calcolo del TAEG in regime composto degli interessi – I documenti sono ora disponibili in consultazione sulla piattaforma OpenStat – Leggi l’articolo e scarica liberamente il contributo di Graziano ARETUSI e Antonio TANZA (Presidente Adusbef).

Matematica finanziaria e Econometria 17 Ottobre 2023

Amortization plans in simple, compound and hybrid framework: a unifying approach

Nell’articolo pubblicato sulla rivista Decisions in Economics and Finance, pubblicazione ufficiale dell’Associazione per la Matematica Applicata alle Scienze Economiche e Sociali (AMASES) gli Autori, Pressacco e Ziani, confermano la correttezza del modello proposto da Mari e Aretusi nel 2018 e 2019 per l’ammortamento dei prestiti in regime composto e in regime semplice.

torna all'inizio del contenuto