Sull’ammortamento dei prestiti in regime composto e in regime semplice: alcune considerazioni concettuali e metodologiche (C. Mari, G. Aretusi).

Questa pubblicazione scientifica (Rivista IL RISPARMIO, 2019-I) dimostra che il regime composto induce, sempre, la generazione di interessi sugli interessi! Il lavoro propone, altresì, un modello per la progettazione dei prestiti in regime semplice (electronic ISSN 1971 – 9515, print ISSN 0035 – 5615).

Abstract

Tratteremo, dapprima, della questione degli ‘interessi sugli interessi’ nell’ammortamento dei prestiti in regime composto. Dimostreremo che, qualunque sia il piano di rimborso del prestito, gli interessi che maturano in un determinato periodo generano ulteriori interessi nei periodi successivi. Presenteremo, di seguito, uno schema d’ammortamento nel regime degli interessi semplici in cui la generazione degli ‘interessi sugli interessi’ è preclusa. La costruzione del piano d’ammortamento verrà sviluppata sulla base di considerazioni concettuali e metodologiche che permetteranno di definire in maniera univoca lo schema d’ammortamento.

Dove trovare la pubblicazione

L’articolo è pubblicato sulla rivista scientifica IL RISPARMIO, 2019-I ed è disponibile liberamente qui di seguito accedendo al portale Openstat.it

Accedi liberamente ai contenuti effettuando il login!
Il materiale è disponibile liberamente agli utenti registrati esclusivamente per uso personale, per fini di studio e ricerca. Non è consentita la diffusione dei contenuti se non espressamente autorizzati.

  

Ultimi articoli

Matematica finanziaria e Econometria 8 Gennaio 2023

Anatocismo nei piani di ammortamento standardizzati tradizionali

Rapporto scientifico AMASES – 2022/01 In un recente rapporto pubblicato dalla Commissione Anatocismo dell’Associazione per la Matematica Applicata alle Scienze Economiche e Sociali – AMASES, alcuni Autori propongono una personale lettura relativa alla tematica dell’anatocismo nei prestiti graduali, giungendo alla conclusione che gli ammortamenti comunemente utilizzati sul mercato del credito (Piano di Ammortamento Standardizzati Tradizionali – PAST) siano del tutto legittimi in relazione all’art.

Matematica finanziaria e Econometria 21 Dicembre 2022

Convenzioni per la definizione degli intervalli temporali nelle operazioni in euro

Il 25 novembre 1998, ISDA – International Swaps and Derivatives Association, ha pubblicato “EMU AND MARKET CONVENTIONS: RECENT DEVELOPMENTS” con l’obiettivo di armonizzare l’uso di convenzioni temporali per tutte le transazioni in euro.

torna all'inizio del contenuto